Elaborazione.

parole

Elaborazione.

Vuoto nulla, volo silenzioso cercando

la fighetta  dove nascono le idee, nulla è nulla

immaginando…eccola, picchiata veloce, arresto, esce la lingua

leccatina?…ebbene sì, scorre il ruscello fiume impetuoso

l’ovulo freme, mette fuori la testa, s’allarga la ragnatela, profumi…come dire

impiastricciato di bava il canto del ragno: “Vuoi l’idea?…vieni a prenderla…”

Morso velenoso non sente pietà, lingua cazzetto solletica incanti, infinite stelle

vicine e lontane, pietre di sangue, profumo di fiori e colori, musica il fuoco divora

i sensi al sapore delle parole, danzano le onde sul mare, la spuma, le nuvole, il cielo infinito…

Nel silenzio la lingua toglie l’idea da sotto la ragna, scivola giù e ancora rido

mentre la mastico…

goccia

 

                  La cotoletta.

Maschera stretta, una corsa senza gambe, rimbombo di cranio,

senza fretta il punto comodo pallone gonfiato di nulla

il tempo aspetta, sulla fine del clip il cursore sbrodola

nella borsetta di carne, passi di canguro saltando le note

al rider di una barzelletta, spostato, scalzato, sballottato

e ripiantato in una fighetta…

Maledetta la parola che fu partorita in una lingua di fuoco

la morte allo specchio, una sfida che alletta, vincere l’onda

contraria a cavallo della bicicletta, il vento, gli spruzzi…

Nel buio della stanzetta si apre una finestra al sole dell’alba,

la luce perfetta.

tavolozza

 

Il paese dei campanelli.

In una goccia di sangue nominato piscio si legge la storia

-toccata dal dio, fuga e corale-

gran baccano si dice, il paese dei campanelli, campane battono a stormo,

-la piazza gremita a rotolar le palle-

aperte le gambe alla goccia di mestruo, l’ovulo morto dell’ermafrodito

è goccia di sperma, leccato sulla punta della lingua lo spermatozoo saltella,

-e bene e male è manicomio-

Grido di massa l’oceano s’alza a inghiottire l’esca golosa che non dice non fa

-è morto che parla-

l’immagine dice dal culo una lingua di merda girata, rinominata e baciata

in aere di peto…

Bocca bianca in culo nero la metafora si espande gonfia di nulla

-mongolfiera-

pioggia di sogni orinati nel pisciatoio comune mischiati mescolati d’apparir

tanti di uno che canta nell’aia appoggiato al bastone

-la fisarmonica-

è festa la notte, di giorno riposa il sole stanco di brillare luce non sua

-appiccicata in eclisse-

Seguendo l’orma di cacche pestate e ossa macinate di morti mai nati.

Il cigno, le ali addormentate nel nido della favola, catena di sospiri mai digeriti

l’intestino del tempo vomita pietre o peti e parole quello che fu

-a nominare il meno e il più-

di questo filo che il ragno tesse alla sua mosca…

creatività

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: