Portafortuna.

 

get on

Get on.

Una manciata di lettere buttate all’aria aprivan le gambe,

era senza mutande coi peli biondi e profumava di vetro di nuvola e di…

musica era la voce,

attirava il ferro arrugginito nel fondo della vita.

La scala si alzava sopra un mare di nulla,

saliva,

non si vedeva la fine mentre la lingua leccava,

con delicato piacere le lettere erano l’acqua che spegneva quel fuoco. 

cretino

La figura del cretino

Colazione da Tiffany,

letto morbido, vaporoso,

mentre una succhia il cazzo l’altra offre il seno,

puro latte di vacca americana.

Isola misteriosa il mattino,

vola alla sera sull’ali del gallo che canta nell’aia,

doppio senso ma con discrezione la figura del mondo che alza la cresta.

il naso

Il naso.

Sogni e speranze han lasciato le stanze

odio e amore han perso sapore

gli anni son qui in un unico dì

vissuto per caso alla tira del naso.

Tempo sepolto in un chicco di riso

allegretto con andante deciso.

Luna

 Il manicomio.

Girando intorno al mondo il mondo gira l’hula hoop

l’anello del bardo che canta la storia alla luna

dentro le stanze del manicomio rime spaiate dal lupo giocondo

richiamo di sogni per l’ombra bruna

salta il tappo nel buco della fontana

schizza follia effervescente

ogni bollicina un’ illusione che fa splash,

per fortuna…

Quadrifoglio

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: