Pagina di oggi.

p

 

 

paciocco

La faccia.

La macchina brontola

ingranaggi arrugginiti

sulla stradina che porta non so dove

l’attimo prima è scomparso

quello dopo è a venire

dal finestrino si vede la faccia

fresca d’inchiostro

oggi cammina sulla punta del naso

corre vola s’impenna per aria scalpita freme

quell’attimo e null’altro.

 

la faccia

 

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

L’esperimento. 

Il mondo è la mia città, un accampamento di zingari in giro per l’elemosina, ci sono i papponi con pieni i coglioni ed anche i mammoni che fan gli accattoni, si mangia e si beve per non farla breve e tutto si butta nel forno per il grande ritorno. Piove la manna ogni dì anche il venerdì e questo conviene a chi si apre le vene…

 

Guardavo dalla finestra, non si vedeva un tubo ne idea di scandalo, il piatto girava sulla tavola imbandita, suonava una musichetta ma non c’era allegria, la volevo solo per me ma lei apriva i calzoni a tutti quelli a cui schiacciavo i bubboni…

 

Sia bianchi che neri e gialli ed arancioni fan file per strada davanti i portoni, si sente nell’aria non so che di pietanza condita con l’olio chiamato speranza che polli e maiali han piena la stanza…oggi lo so che è festa per niente, un sasso è la testa che sprizza scintille craniando col dire sul bello della mente, mente per dire e nulla capire c’è solo il ruttare per non morire…

 

Ecclissi di sole, un gran manicomio, un fuoco che brucia chi lascia la mancia, polvere d’amanti che han fatto vacanza in una filastrocca cantata dal caso con strimpello di naso, c’è questo e c’è quello e tutto fa bordello anche la rima che non è fatta per prima…

 

esperimento

 

 

merdaccia

Narciso e Eco. 

Sulla pagina di oggi le parole vorrebbero uscire dai margini

per volare libere dove frulla il desiderio,

l’hardware resiste, un recinto invalicabile,

allora spingono per allargare il foglio agli spazi sterminati della fantasia

tra stelle che fioriscono petali profumati

tra i peli di una fighetta umidi di rugiada appena colata…

 

Nel profondo della giungla si sente ruggire la tigre,

una processione d’ ombre segue la fiaccola sulla strada del nulla…

 

Viene la sera poi si fa notte ed il sogno continua

dentro una botte di mestruo d’annata

tutto è colore quel che suona la banda

la vita in un bicchiere scavato di feccia

camminando nel foglio tra le parole la guardo venir fuori

la mia poesia…

 

Merdaccia

 

Mangiafuoco

L’uccello di fuoco.

Una pagina vergine nella macchina da scrivere

profumo di carta tra le gambe tornite che s’aprono adagio

le dita accarezzano i tasti alle prime parole

il tocco è la lingua che parla allungandosi golosa

all’idea che zampilla d’un tratto.

 

Sfrigola lo scheletro in tutti gli ossicini

il piacere dell’essere pieno di rogne pruriginose che cantano allegre sull’aria del metro

s’ingrossa il fiume che porta alla tempesta

grida di gabbiani in volteggi curiosi

tutt’uno col gatto che si mangia il topo.

 

Sul dunque la punta penetra feroce

vapori di sangue piovono dal  pozzo in tutta quell’arte presa nel trip

vaga la mano solleticando il di dietro

musica di arcobaleni tra le due rive

splendido insieme di quell’odio chiamato amor.

 

All’ultimo rantolo sfila tra i rulli il foglio sfondato

palla di carta per il cestino

un’altra vergine c’è da infilar…

 

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: