Imperfetto perfetto.

imperfetto perfetto

Di grande fuoco una tremula fiammella

nella notte ubriaca demoni danzanti luce sfolgorante

              sola porgeva la sua mammella

goccia di latte il suo lumino alla lingua declamante,

 

           neve di parole si presta al gioco

        slegar perfetto all’imperfetto

              tomba del fu solo per poco

          a rimestare il succo del progetto,

 

      volare sul rosso manto delle papille

           il gusto di parlare per silenzio

         cose non dette son più di mille

         tacita ebbrezza estasi d’assenzio,

 

       sfoderato l’arnese senza guanto

               l’origine del guaio deflorato

                      a l’amaro verso unico vanto

             dono zuccherino d’oro colato,

 

                  bicchiere colmo si beve a fiato

           istante di vita fracassato al muro

      restano i cocci per quella scopa

che ramazzare deve e niente altro.

imperfetto perfetto (1)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: