Robin Hood.

fuoco artificiale.

Dentro la tuba dello zio Sam

piani e progetti s’attaccano al tram

scopre la buccia del cupolone

giocare i dadi d’un sol coglione

storie cantate a versi intriganti

di cervi arrostiti in mezzo ai briganti

profumo d’arrosto si sente tosto

tirar la pancia di ogni lancia.

 

Se pecora bela tigre ruggisce

ara la terra lo strisciar di bisce

numeri e nomi da fare un botto

sperando invano di vincere al lotto

fuori dal meno ci son solo più

che a batter cattolica si danno del tu

lasciare andare conviene fare

solo per dire senz’altre mire.

scatto

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: