La fossa dei leoni

Quel giorno era di pomeriggio, non avevo un soldo allora m’ero chiuso in casa e comodamente stravaccato in poltrona stavo leggendo un racconto di Singer. Parlava come al solito di un ghetto di ebrei, piccoli borghesi cretini, dottori eccetera, circondato dalla miseria di cui era causa dove era stato rubato il capro espiatorio proprio il giorno che dovevano portarlo al deserto, il seguito non ha importanza, l’idea mi piaceva e stavo studiando come modificarla per riscriverla a modo mio.

Non tardai a capire che non era da scrivere ma da fare, mi abbandonai all’ispirazione ed al posto del racconto venne fuori questo ditirambo:

 

Nella fossa dei leoni

con la fame non si scherza

denti e artigli fan da padroni

piatto in gioco è l’esistenza…

 

Vale l’agile destrezza

buttar l’ali da cappone

rutti e affanni da pappone

per volar con leggerezza…

 

Trita carne libro di storia

vago sogno della gloria

dove il vento soffia amaro

prua vela al suo riparo…

fossa dei leoni

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: