Mangiare cagare e tirare a campare.

 

Saltare fuori dal calendario

senza sapere d’abbecedario

vivere frullo come viene

sniffando il culo alle sirene

camminare scalzo sulla rugiada

l’alba che sorge apre la strada

solo con l’estro di compagnia

a far da guida lungo la via

bella la vita che non si chiede

in quale scarpa mettere il piede

parole e ali da conquistare

in giro pel mondo a stornellare

giocondo canto d’uccel snidato

al primo volo di scatenato

son tutte belle le parole

quando poesia illumina il sole…

rugiada

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: