L’ombra dei me.

 

Cava poco cercar di rogna

da grattar finche ce n’è

raccatta il succo della fogna

piscio e cacca per i beté…

Tintinnar di quattro soldi

sciacqua il culo nel bidè

conta in tasca ai manigoldi

re dei giuda che fan per tre…

Vano sogno è questo mondo

canta il gallo coccodè

fatto l’uovo senza fondo

cova il ragno i suoi perché…

Posa l’arte che non rende

strada il giorno quel che è

sfascia il cazzo dalle bende

lingua al moccolo va da sé.

notte

Un commento su “L’ombra dei me.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: