Dostoevskij.

 

Terra di nessuno l’impronta di un piede

segnata su un calendario senza giorni

vanno i passi a tracciare sull’ora

giocattolo d’istanti da vivere e sfasciare

.

“d’un sorso e giù la coppa”

. 

Sogni illusioni speranze

vanno nuvole a coprire il sereno

e su quel mare si cammina

per non affogare.

notturna

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: