Juke-box.

 

Nulla si intende nel funesto baccano

nulla il pensiero trasmette in diretta

lontano ricordo di una sfiga di grano

scocca la frusta il cocchiere a cassetta

.

Scritto con stile su carta da culo

male parole dividono il tondo

lavate le mani nel piscio di mulo

abbocca il pesce nel mare profondo

.

Specchiano l’ore i silenzi d’attesa

sull’onda che scorre dall’abisso alla vetta

vertigine l’aere di una storia ben spesa

a radere peli con allegra lametta.

juke box

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: