Smemorato.

 

Ruggito di pecorone belato di tigre

male si accorda la canzone

sogni e sbadigli nell’ore pigre

.

Al tristo cammino si tocca il ciuccio

ahimè che lagna il comodino

del mondo boia vede il cappuccio

.

Morto che muore rinasce a vita

accende la fiamma dell’amore

fin sulla punta della matita

.

Mangiare cagare e tirare a campare

l’essere nome è forma di niente

fischia al vento in peto ridente.

smemorato