Abbraccio d’aria.

 

Quante notti solitarie davanti al fuoco

sognando il tuo sesso

donna dalle mille e mille facce

i corpi prendevo legna nella stufa del cuore

ad ardere di quel calore.

.

Neve sui riccioli della vecchiaia

neve l’impalpabile manto dei giorni

scioglie l’acqua da bere l’implacabile destino

compagna la poesia

la scia di stelle che segue la strada.

strada

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: