Il cerchio.

 

Primavera sulla tavolozza fiorita

apre le gambe al farfallone

con lunghe e sapienti leccate

gioca l’attimo che posta il come.

Un soffio si spazza la via

inferno d’ambigua illusione

onde di parole sul mare di vita

frangono a riva sbavando gelose.

Superbia neve al sole

scioglie l’acqua al pozzo nero

lieto fine di un brutto sogno

ricominciare dal solito zero.

trampolino

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: