Il figlio della serva.

 

Essere oggi quei giorni

incatenati alle parole

così vicini così lontani

sul cammino di morte

null’altro amore attendeva che odio

abisso aperto al futuro.

Teatrino virtuale

macchinette ronzano moscerini

danzando il porco comodo

leccata di culo alla fortuna

sulla strada tracciata

che il passo cancella…

tomba

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: