Penelope alla tela.

 

Ragionando intorno alla questione, tutte quelle ostie mangiate da bambino, il re dei giuda nel cuore dello stomaco, carne umana indigerita, sembra un programma sulla strada di realizzarsi, davanti allo specchio della logica il bivio, davanti l’abisso del golgota al suicidio, oppure tornare indietro, alla vita, alla realtà…

La stigmate del mouse, il segno è nome, la forma un codice di punti interrogativi uno più interrogativo dell’altro, intuito, ispirazione, si vede una spugna per cancellare tutto quello che c’è scritto sulla lavagna, tabula rasa.

La realtà, commedianti alla recita, palcoscenico col solito assolo di parole sibilline, uscire, l’aria aperta, la strada, la libertà… potrebbe essere una buona idea.

.

aracne (3)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: