De morale animalorum.

.

In questo lago di parole

pochi pesci boccheggiano a pelo d’acqua

sbuffando nuvolette rimasticate

da grande clangore di denti piombati

specchio di cicale squinternate

a cantare sul cadavere della formica

sepolta fuori la porta del formicaio:

“Oh tu che sfottevi l’allegra brigata

di tanto sudore sei stata spinata

sotto la neve ti mangi il passato

quel che credevi programma aggiornato.”

.

Vanità girotondo di maiali

prosciutti e salsicce si specchiano tali

il sole di ieri riscalda domani

si fa nel frattempo la vita da cani.

.

balletto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: