Schizzo.

.

Una pagina vergine

in punta di lingua la carta si arriccia

la matita scivola tra le vulve socchiuse

paroline eccitanti sussurrate sulla riga

questa la carne dei sogni

crea cerca spinge

la frase immortale il cazzo duro

seguendo la vena del filone d’oro

nella grotta oscura sorge il sole

attimi di intenso godimento

così la poesia accende il motore

s’alza in volo

le ali aperte su uno splendido nulla.

.

schizzo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: