Tu tu tu…

.

Non c’è sugo a raspare in questo buco

ingranaggio di carne la voce del pensiero

un morto divorato con la bara

seppellito nella citrullaggine dei bambini

prende vita sguazzando nel merdiccio

covo del porco solitario

le spire si allungano dove toccano

i tasti sbrodolanti voglia repressa

il cazzo si infila e stantuffa

sborrando nel sistema l’ora di mai

credenza d’essere impalpabile sogno

dolore ingannato dall’oppio dei poveri

liberaci dal male amen

burattini in un teatro pieno d’aria

si chiama miseria risponde occupato.

.

tu tu tu

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: