Eternità.

.

Di questo lungo viaggio

non si vede la fine

ogni giorno l’orizzonte segna la strada

e la notte una tomba dove rinascere al mattino

le ali aperte al vento che tira…

.

volo

Marketing.

.

Sotto il lampione acceso

picchiettato da mosche e zanzare accecate

una bella puttana la vende a chi compra

un fiume di monetine tintinnanti

scorre sulla strada

luccicano tra spruzzi di sperma

al fanale di una luna dondolante

sopra il registratore di cassa

la lenza tesa a pescare sul fondo

il baratro di una notte nel viavai

monotona routine della vita.

.

scatto da Superga

Paradise lost.

.

Liberaci dal male amen

la porta dell’ospedale

luci ammiccanti

candidi fantasmi eterei angioletti

volteggiano alle finestre

profumo di medicina

la porta del paradiso

un ago nella vena squarciata

flash…

un rivolo di sangue inseguito dai topi

schiaffo alla realtà

insensibile onirico corpo

di bambola

meglio liberi all’inferno…

.

l'uccello il cavallo e la zecca

Da zero a qui.

.

L’esca attira all’amo nascosto

pesciolino bocconcino prelibato

penzola davanti al naso profumato

pendolo d’altri tempi avanti posto.

.

Vita d’automa chiuso in cantina

a strimpellare sul pelo d’un mi cantino

dà lenza al boccone per farlo vicino

viti e bulloni fanno ferraglia vocina.

.

Ecco appare d’andare a cagare

quel peso che pesa per modo di dire

meraviglia bottiglia stappa la briglia

si invola la luna a cercare fortuna.

.

panorama

Passato di futuro al presente.

.

Il bene è un nome, il nome non è forma quindi la forma del bene non è bene e se non è bene è male.

Specchio specchio dei miei coglioni, ormai si tritano discorsi già triti ma tant’è se così è…

Si può dire che se da una situazione dove si sta male si finisce in una dove si sta malissimo quella dove si stava male diventa meglio quindi bene.

Bene e male sono nomi, la forma si vede nella realtà ed in base al peggio la si nomina bene o male, nella realtà c’è la causa e l’effetto, il bene ed il male non si vedono, ci sono solo nella nominazione.

Statistica del giudizio, comunque il bene ha bisogno del confronto con il male per essere nominato, questo è logico e può spiegare molte cose, dalle comari pettegole inglesi  al pensiero che in un certo senso si comporta proprio come una comare pettegola e non ce ne sono solo in Inghilterra…

Si vede una macchina, un io robot per dirla alla Asimov, che prende forma dalla negazione del male altrui e questo è tutto, tanto che importanza ha la filosofia, fare il filo a Sofia?

.

nuvola s

Bambola.

.

Vestita da caramella

in punta di lingua ti scartoccerei

sulla stagnola stropicciata

volando verso fiori profumati

grattacieli appuntiti

nuvole rosa d’azzurro abbracciate

tra raggi di sole alle stelle

tutto il tuo oceano mi berrei

carezze d’onda marea uragano

delizia d’attimi incantati i sensi

all’ultima goccia

tocco che fugge sputato il guscio 

nell’insapore solitudine della banalità.

.

bambola 2

Morfeo.

.

Nella notte buia

vivono i morti di fantasia

frusciano tra gli indugi dei vivi

impalpabili fantasmi

nell’imperitura partita della memoria

palleggiati nei secoli

pavidi di rinascere ai dolori della carne

noia vecchiaia rinuncia

frugando con la mano nel sacchetto di medicine

di fronte ad una finestra parlante

aperta su una porta chiusa.

.

morfeo

Ente immanente.

.

Tavolozza di tutti i colori

per dipingere un giorno qualsiasi

spruzzato a casaccio di bello e di brutto

eccita l’onda cavalcando a pelo

lo spazio di un attimo gustando adagio

acqua che cola dal fuoco giocondo

questo risponde a nessuna domanda

solo per fare piacere d’amare.

.

città

Cuore.

.

Deserto di ghiaccio freddo insensibile

porta lo sguardo di uno straccio

continuo battito palla di lardo

remi al vento la barca di Eraclito.

.

Suona ancora la musica soave

cassaforte d’aprire rimata la chiave

conserva le stelle brillanti del sogno

vagando quel mare per solo bisogno.

.

Baciato il culo alla fortuna

sborrato in bocca a monna luna

madre natura non serve la legge

ruggisce infuria sul fetido gregge.

.

cuore

Precipizio.

.

Precipitare… dal bordo di un marciapiede guardavo gli ultimi piani dei grattacieli, lassù il potere, si può solo immaginare e non è mai abbastanza, una storia che vale la pena raccontare? Allora, senza pensare, feci il saltino…

.

bla bla bla