Categoria: poesia

Persefone 2020.

. Ruggisce la tigre madre natura presa per mano una bambina primavera in fiore nel gelido inverno lo sguardo precipita il burrone fondo del significato risale i livelli della memoria universale i piedi nelle nuvole a testa in giù fa del contrario soffitto di… Continue Reading “Persefone 2020.”

Ferocia.

. Solo quell’attimo e dopo il silenzio gingillo il grilletto della lingua la passione spenta bruciato l’universo di fatue pagliuzze brillanti sogni sulle tombe lunga la canna si avvicina alle labbra aperte in attesa dell’atto penetra nel pozzo dei desideri l’ultimo nuvolette di fumo… Continue Reading “Ferocia.”

Carta matita.

. Scrivere sulla pelle baci carezze ai nervetti sfrigolanti si scioglie la carne poltiglia maialando nel fango colpi d’ariete bene assestati a sfondare quella porta chiusa apre la giostra delle meraviglie motore dell’universo razzo acceso tra le stelle sbrodolanti contro corrente a questo mare… Continue Reading “Carta matita.”

Infornatica.

. Grande amore viti e bulloni da svitare per riavvitare un’altra vita fresca sorgente il letto da rifare lenzuola profumate acqua di un nuovo mare rosa dei venti ovunque a scopare. .

Menefregando.

. Leggenda d’orchi e lupi mannari covati nella terra del mistero invisibili ombre tra vecchi calendari fuori il portone di uno scuro pensiero. . Gonfiano le tombe i morti dannati battono i coperchi nel fuoco d’inferno carne e sangue per il corpo affamati ulano… Continue Reading “Menefregando.”

Il male è bene.

. È bello leccare la figa della luna quando le fate lucciolano la notte spruzzando incanti sulla cascata di spuma umore scanzonato di una barzelletta del volere più quel che meno aspetta strisciando tra ali aperte al volo a volare lontano dall’incombente tempesta e… Continue Reading “Il male è bene.”

Credevo di avere la maschera ed invece era la mia faccia.

. Non c’è altro che vecchiume a sfogliare tra queste pagine carne d’assaggio al gusto del verme rafferma sostanza d’onirico pane. . Rubato il bicchiere ad una bambina tra baci di lingua una fresca sorgente sgorga a lavare la triste latrina scintilla esplosiva nel… Continue Reading “Credevo di avere la maschera ed invece era la mia faccia.”

Annales.

. Parole nel piatto da condire col sangue una zuppa per l’orco d’occhi e orecchi denti feroci cucite le bocche di fame insaziabile anima del massacro spirito della bestia di pelle umana ricoperta divora il tempo la sua natura scia di merda dietro il… Continue Reading “Annales.”

Serenata sdolcinata.

. Un giretto in bicicletta pedalando tra i ragli dei somari non ha senso avere fretta il trenino ha la via sui binari. . Palloncini colorati per volare sulla cima del pensiero nei silenzi scanzonati ali aperte il profumo del sentiero. . Navigare col… Continue Reading “Serenata sdolcinata.”

Storia partorita da un uovo marcio.

. Scorreggina da sniffare strisciata sul cacasenno gatta furiosa nel cuore graffi e morsi nel capanno amore cortese nel suo dire sbadigliato al lungo sonno sangue mestruo nel bicchiere botti e spilli a capo d’inno brezza gonfia le paure di quel dio trino e… Continue Reading “Storia partorita da un uovo marcio.”