Categoria: poesia

M’atarassia.

. Fra tenzone una canzone d’emozione luce oscurata da un buio illuminato in bilico su una bilancia d’opinione bei tempi a scopare su un materasso a molla saltando dall’inferno infocato al ghiaccio dei santi penitenti viene l’amo alla gola dal grande silenzio rotto dal… Continua a leggere “M’atarassia.”

Una fila di boia panatere

. Vanno i porci a salsicciare belli grassi da scoppiare questa è sorte d’ogni porco e non c’è altro da fare. . Brucia fuoco questo gelo se ’l micione rischia il pelo di pietà ha fatto orco   anche al verme dentro al melo.… Continua a leggere “Una fila di boia panatere”

Capolinea.

. Con il cazzo malmenato infilato in cul de sac avanti indietro s’è fermato accidenti al patatrac. . Un fucile sentinella fra i secondi chi va là non si vede la cappella sulla luna fa qua qua qua. . All’affetto del buon giorno prima… Continua a leggere “Capolinea.”

Sisifo.

. Profumate gallette pucciate nel vin brulè tra gli scricchiolii del fuoco che discorre lento la sua pena chiamando legna da bruciare alla sabbia deserta… . Sbacalita danza la fortuna fa male il bene segno il rimedio per guardare con pari occhi il patibolo… Continua a leggere “Sisifo.”

Concimaia.

. Una volta… si scrivevano storie sulle foglie dell’albero frementi di vento e si aspettava l’autunno il tempo spazzino invidiando gli uccelli staccarsi dal ramo e volare nude le ali senza vergogna. . Adesso di secco sapore ha preso la foglia tremando al sospiro… Continua a leggere “Concimaia.”

Zero uguale Emmeci due.

. Al supermercato si compra follia tanto al mucchio danno dietro i soldi per portarla via ricchi mendicanti di elemosine gonfia un pallone sulla città che di piccolo e grande non si vede niente passeggiando tra le vetrine alberi spogli vermi nel portafogli rodono… Continua a leggere “Zero uguale Emmeci due.”

Cigno a mezzanotte.

, In un mondo al contrario il contrario è diritto va sbilenco qua e là sul raddrizzo di un baccalà. . Ogni porco ha il suo grugnito can che abbaia ravviva l’aia discussioni in girotondo fan quadrare un tristo mondo. . Bene fatto il… Continua a leggere “Cigno a mezzanotte.”

Mannequin.

. Corri corri davanti il giorno che del fu l’è sarà in fondo alla strada cimitero d’illusi null’altro a sperare nel passo l’adagio che fretta c’è d’arrivare? .

Eros di carta.

. Scorrendo le righe del discorso parole di carne modellano tra le gambe la vulva sugosa scivola la lingua su le poppe innevate latte voluttuoso profumo di rosse labbra aperte ad accogliere il peccato… . Accenni di silenzio voltando pagina. ,

“Io” e lo zombi.

. “Io” specchio di un dio idiota che di male fatto si prende atto tra è e non è rigando a ruota in bocca a lei lui ermafrodito puzza di piscio lavando i piedi morto trionfante regredito   tutto di niente azzerato i credi…… Continua a leggere ““Io” e lo zombi.”