Categoria: poesia

Punto a capo.

. Vita da tigre bastonato la cuccia comoda la catena corta al muro la stecca del soldato tacca su tacca la scala ad oggi si mangia tutti i giorni tiriamo a campare… .

Corno d’amante.

. Di faccia angelo di culo serpe striscia su il budello ai banchi di scuola menare l’uccello sfascia carrozze volando nella ciminiera buia fuori dal foro di cacca rappreso corda intrecciata d’ombelichi avvolti al feto catene ricordi storie impalpabili mondo di ieri chiuso nel… Continue Reading “Corno d’amante.”

Strip tease.

. Fenomeno da baraccone nuvole sbuffate nel cielo dei sogni orgia megagalattica intorno ad un cazzo floscio alla fine del tunnel c’è la realtà una sirena canta sullo scoglio vicino le onde la spruzzano di sborra muffita vestita di spuma riflette il sole sviscerandosi… Continue Reading “Strip tease.”

Start.

. Piacere di vivere frizzante buon umore luce sfavillante della bellezza improvvisando l’alba il sole che sorge sull’onda alla sera. .

S’andalo.

. Il deposito di Paperone è gonfio di sangue grossa zecca pinzata tra i coglioni alla tv trasmettono “Senza speranza” previsione del tempo nella giungla le tigri vanno a caccia bambine appetitose servite calde da leccare goccia a goccia la lingua su per il… Continue Reading “S’andalo.”

Titolo.

. Parole tra fiori appassiti quel profumo non c’è più mena la bava che cola dalla bocca sdentata giovinezza la porta d’aprire sangue fresco da piluccare tra le zecche di un porcospino croccante prelibatezza nel fracasso infernale vedere il silenzio. .

Faccia di tolla.

. Salsiccia e champagne effervescenti bollicine d’autore unico ciucciate le dita con la parte l’allegria fa altalena sorridono le lacrime fatta cuccia d’uno zero comodo vestito per la festa si sta come maiali all’ingrasso stappato il momento. . disegno su fotogramma.

Fetente.

. Banale festeggiare la morte di ieri sul carro infocato del sole effimera follia i cavalli al passo di un filo d’erba che cresce albero maestoso a conquistare il cielo. .

Tu tu tu…

. Non c’è sugo a raspare in questo buco ingranaggio di carne la voce del pensiero un morto divorato con la bara seppellito nella citrullaggine dei bambini prende vita sguazzando nel merdiccio covo del porco solitario le spire si allungano dove toccano i tasti… Continue Reading “Tu tu tu…”

a Ufo.

. Sul rimasuglio d’esistenza vedere la vita al bivio tra sogno o son desto quale falso quale vero quale il sentiero? . A braccetto con l’ingrata fortuna un solo giorno senza domanda risponde nell’eterno cammino. .