Categoria: poesia

Rintocchi.

La data. Disegnata sul muro ti leccavo tra le gambe mentre mestruavi l’idea digerita, sangue era l’intonaco, sapeva di mattone e calce e stucco, polvere di anni scorreva insalivata giù per la gola in fondo al pozzo, tu sgorgavi innocente di colpa e musica… Continue Reading “Rintocchi.”

About the time.

I giorni passati, perchè conservare le cicche?… … Le sborrate di Dostoevskij. Una montagna di libri, autori vari, le sborrate di Dostoevskij tra l’altro macinavano gli occhi con denti di tarli, il tempo le ondate di sabbia si frangeva contro le piramidi del morto… Continue Reading “About the time.”

Lettere alla Sfinge.

    Lettere alla Sfinge.   Boulevard teoria. Tolta la maschera un’altra maschera, visto il tramonto aspettavo la sera che non arrivava e allora sognavo la notte, le stelle sorgevano e danzavano intorno alla fontana Musica di ingranaggi arrugginiti, cigolii, oliatori spompati, cercavo la… Continue Reading “Lettere alla Sfinge.”

Elaborazione.

Elaborazione. Vuoto nulla, volo silenzioso cercando la fighetta  dove nascono le idee, nulla è nulla immaginando…eccola, picchiata veloce, arresto, esce la lingua leccatina?…ebbene sì, scorre il ruscello fiume impetuoso l’ovulo freme, mette fuori la testa, s’allarga la ragnatela, profumi…come dire impiastricciato di bava il… Continue Reading “Elaborazione.”

Climax

Pacioccando la tua carne la lingua tra le labbra apre il solco                  le mani piene di latte scorre l’idea nella  bocca che addenta l’allusione lacera la carne capelli al fuoco s’incendia l’urlo che entra squassando solo di piacere per bere al balzo ed inghiottire… Continue Reading “Climax”