Categoria: poesia

Scarabocchio d’autore.

Oggi Alba e tramonto Notte di stelle La poesia da scrivere Il quadro da dipingere La musica da comporre.

Fatti Elena in salotto.

Spietata la lingua aratro tra le zolle della pagina scava il solco un soldo di pane in bocca all’atlante mescolato all’hashish il peccato confusione sorretta pesata cagata dall’alto frana valanga piove dal nulla un concetto la catena è la cuccia dell’Uomo… la forma ulula… Continua a leggere “Fatti Elena in salotto.”

I bei tempi che al circo i leoni mangiavano i cristiani.

                                                     Fresco respiro giovinezza                                              il profumo dell’ebbrezza                                      t’ho lasciato in alto mare                               su uno scoglio di fortuna                       per la briga a quanto pare                di salire fino alla luna         a cercare senza certezza un tesoro di amarezza.   Ora… Continua a leggere “I bei tempi che al circo i leoni mangiavano i cristiani.”

Il poeta cacciatore.

Fantasia bella donna breve il tempo che fiorì schiude il fiore alle parole per la frode del suo sì, rivo d’acqua che si allunga verso il lago dell’umore splende luna il suo furore a campana tutto il dì…   Rossa ruggine d’affanno cola sangue… Continua a leggere “Il poeta cacciatore.”

Imperfetto perfetto.

Di grande fuoco una tremula fiammella nella notte ubriaca demoni danzanti luce sfolgorante               sola porgeva la sua mammella goccia di latte il suo lumino alla lingua declamante,              neve di parole si presta al gioco         slegar perfetto all’imperfetto               tomba del… Continua a leggere “Imperfetto perfetto.”

Amare il peccato è amare se stessi.

      Amare il peccato è amare se stessi ceppo di legno o fango di sputo       robaccia per gangheri fessi che nomi di carta inchiappano a imbuto,       specchia lo zero vestito a lutto la barba tosata s’è fatta prosciutto.   Logica fredda non… Continua a leggere “Amare il peccato è amare se stessi.”

Africa.

Borbottare di vulcano la casa del diavolo fagioli fermentano sfogano  aria impetuosa parole il gracidare dei morti insepolti nel ricordo gonfia la bolla di sapone lava rovente fuoco infatuato sulla pagina ancora mistero.   Culo stappato scoreggia l’anima vergine pulzella in armi fuoco divampa… Continua a leggere “Africa.”

“Call me but Merdaccia and I’ll be new baptiz’d.”

A Giulietta. In strada passeggiando tra gli accattoni        nobili fiere d’aspetto solenne la pozza specchiava non ti riconoscevo più               troppi anni di nulla l’orologio da polso il bilanciere starato     fuori tempo pentolone di ricordi                                      bolliti senza pepe…      Gira… Continua a leggere ““Call me but Merdaccia and I’ll be new baptiz’d.””

Notte segaiola.

Sfatato l’incanto la faccia del muro,       la realtà crudo osso rosicchiamento rodimento dissolvimento va l’aria dei sogni a nuovi profumi        s’apre il fiore fontana sfavillante esplode il soffitto su un mare d’orgasmo,     l’onda della tua pelle,                 rugiada sull’alba           un… Continua a leggere “Notte segaiola.”

Vita d’uccello.

     Un pugno di mosche. Vita d’uccello volare dove frulla dietro l’odore di un solo dì vita beata e spensierata all’occasione che ama il sì, ci sono spine in ogni rosa con la corrente di chi le sposa guardare è bene senza toccare il… Continua a leggere “Vita d’uccello.”