Tag: ditirambo

Così è.

  Mestolare di quel che piace carne fresca ed allegria festa d’orgia in buona pace sangue e fuoco con sangria . Sbuffa il cazzo a far bottega stantuffare nel vasto mare si minchiona frullo di sega fighe larve al gusto amare . Colpo d’occhio…

Iti a spennare riiti spennati.

  Tristo destino morire di fame anzi il ludibrio della menzogna appeso al cappio di un salame pisciando il getto nella fogna . Alza il sipario la giornata butta miscuglio a minestrone fatta a dovere una cagata quel che si sgonfia nel coglione ….

Tip tap sul precipizio.

  Se male è perché dev’essere conviene chiudere bottega natura parla a chi sa vedere tutto per dire chissenefrega . Leggere l’ali che vola il giorno carne e sudore della buona terra caricare muri si spunta il corno va come va soldato in guerra…

Operetta.

  Bene fa scemo a mangiar di grasso che l’artista a morir di fame ma di libertà che manda a spasso solo si cambia con fragor di lame . Quello che fu accordo generale causa d’adesso nel favorir menzogna s’accorda al piano a pagar…

Buon dì.

  Fatti non fummo per vivere come piccoli borghesi cretini credenza con apparenza fa il sedere buon viso a spingere passeggini… . Volare d’uccello di ramo in ramo verso il piacere di un breve sussurro seguendo la trama d’un allegro ricamo fuori il castello…

L’elettrone.

  Nel torrente della vita sta la pietra come un sasso senza anelli tra le dita a vociare altro fracasso . Rompe l’uovo ogni mattina pigolare in faccia al vento frittata fresca di gallina ispirazione del momento . Come potenza sputa l’atto che fra…

Orienteering.

  Muove il passo chetichella per uscire dal denso brodo vada il cancro alla sua bella ogni giorno si trova modo . Fatto il giro dell’ovaio clicca il link alla realtà cambia web con un pollaio bella idea è questa qua . La fortuna…

Darwin.

  Fare così si prende in culo fare cosà va tutto all’aria moscia il cazzo fare il mulo ma di altro non c’è storia . Apre le gambe la natura a parlare di fuoco amaro da leccare oltre misura sbrodolando luce al faro ….

Requiem.

  Se fossi morto non lagnerei di grassi vermi sarei banchetto polvere d’ossa al tempo lascerei di un’altra vita a tirar carretto . Infima parte del grande mondo parola stonata nel vocabolario scorre l’onda girando il tondo giorni strappati al calendario . Fuoco fuochino…

Platone.

  Stando lì a grattar le palle esce il genio del pisello desiderio e questo e quello a piacere di rosse e gialle . Amare solo libertà quale essere senza avere ali aperte da godere in ricchezza o povertà . Pesa in piatto la…