Tag: ditirambo

Ueva passa.

. Lingua lunga per leccare tra le gambe della sirena che l’uccello ha fatto pena in bottega a profumare. . Verso lungo quanto basta per stappare il fondo buco madonnina di marmo casta bocchinata da raglio ciuco. . Pesta i piedi sullo scritto il… Continue Reading “Ueva passa.”

Allegretto ma non troppo.

. Piccola immensità nascosta tra i cespugli della quotidianità brilla invisibile nel grande nulla il fare possibile. . Chiamare la notte giorno ed il sole lampadina immobile nel cielo attorno di sogni malati fattorina. . Impalpabile profuma la vita alla finestra d’ogni rinuncia maestra… Continue Reading “Allegretto ma non troppo.”

Marketing.

. Sulla tavola imbandita piovono sputi catarrosi maiali pasciuti e contenti sudano succo di gradasso. . Va lo schifo in alto mare “terra terra!” dalla coffa macelleria si porta a fare pelle gonfiata buona stoffa. . Vendesi sogno tra riga e strofa succhio veloce… Continue Reading “Marketing.”

Ulaop!

. Pulce zoomata luccicante porno stella d’astinenza gonfia acceso fuoco in segheria. . Sorge il sole rubicondo fuori la figa dell’aurora fresca la vita in girotondo bacia il bon bon di ogni ora. . Dolce suona porcheria soffice pane filosofia va carrozza puttanella d’a… Continue Reading “Ulaop!”

Sala d’attesa.

. Mistare di guazzabugli do mi sol fatti una sega spine aguzze tra i cespugli sol si re apre bottega. . Giro di stelle il carillon musica brilla il suo profumo vista sul gusto di un bon bon tocca pagare tanto a consumo. .… Continue Reading “Sala d’attesa.”

Un fico secco.

. Spugna del vero la menzogna nulla si scosta da quella che è parola del nume il lume che abbaglia atto al bisogno d’un mondo da sogno. . Sotto la coperta del prestigiatore perfetta armonia rintoccano le ore il male alla cassa l’inutile tiene… Continue Reading “Un fico secco.”

Contrasto.

. Musa che rizzare fai il cazzo al poetare leggero scoppia sta palla piena di guai sogno nel sogno sognando il vero. . Parole d’amore seduto al cesso splasciano* nel torbido richiamo di voci al canto l’udito fesso pesciolino lucoso appeso all’amo. . Desiderio… Continue Reading “Contrasto.”

Il bello del brutto.

. A vedere com’è il richiamo che bello essere uccel di bosco a volare di ramo in ramo via col grullo d’umore tosco. . Lacrime amare da leccare stillano dal buco della fata di tra le gambe parole chiare creatività a cantar serenata. .… Continue Reading “Il bello del brutto.”

Il cerchio.

  Primavera sulla tavolozza fiorita apre le gambe al farfallone con lunghe e sapienti leccate gioca l’attimo che posta il come. – Un soffio si spazza la via inferno d’ambigua illusione onde di parole sul mare di vita frangono a riva sbavando gelose. –… Continue Reading “Il cerchio.”

Primavera.

  Di immagine il profumino apre le gambe fiore di primavera nella turbe mondezza le ali aperte su secoli e terra malata al capezzale grigio del vate fetente. – Amore di giovinezza carne fresca bevuto alla fonte dell’aria del sogno abbraccio volteggiante tra nuvole… Continue Reading “Primavera.”