Tag: filastrocca

Deriva dei sentimenti.

  Peli vizzi ma che importa? Porta in nuce la sua gemma zuccherino sulla torta per fiorire a nuova flemma… Mezzasega si fa in quattro la gavetta s’è scordata corda vibra con il plettro fischia aria di petata… Del rottame che è rimasto con…

Sgocciolii di cesso e latrina.

  Sguazzar nella merda di un solo dì senza lagnarsi se piove pipì tener su la testa dal denso liquame tra mosche e tafani che pietan la fame il vento sonoro lo petan i malanni tra rutti e sputacchi sì gravi d’affanni fiorire di…

Guardando il foglio bianco sbrodolarsi di parole…

Pane burro e marmellata apre gli occhi alla giornata via lo stronzo dal sedere s’è felici che è un piacere veste piume sulla pelle penne lapis e marachelle per volare fino alla sera dov’è il posto di frontiera per la cena una puttana da…

Il “bischero” che son me.

Tutto incerto si baruffa se si scalda quel che buffa chiama il boia alla mannaia per dar festa al can che abbaia rompe scherzo alla dottrina divino gusto di lattrina burattino al far cretino montatura del postino porta Atlante il mondo in testa pensa…

Al tigrotto solitario.

Gratta di qui trovi la rogna gratta di lì trovi la fogna messo il cazzo in calzamaglia pare troia che va a quaglia poco tromba cercar ragione tra le gambe della prigione zecche gonfie in quantità succhian sangue di ogni età. Odio e amore…

Il mondo perfetto.

Caghetta e petacci appesi alla gru tra tristi cagnacci guardano in giù il punto fetente proietta al finale l’incerto giacente del sangue che sale fenomeno dato per dirla alla breve al nudo soldato che sfida la neve. Quella notte stavo leggendo per l’ennesima volta…

Girotondo.

Sul tappeto degli stenti fan la festa i rimbambiti già la fame arrota i denti sorci amari son farciti al bambino poverello che nel panno s’è cagato lecca il culo il somarello mentre il bue tira il fiato. Questa è sorte che non manca…

Nevicata.

Gelido amore abbraccio di neve nasconde l’ardore un palpito lieve     rotto lo specchio “il capro non bela!” fuggito dal secchio gli gonfia la vela     ruggito di tigre natura lo culla storielle allegre all’estro che frulla.  

Vita d’uccello.

     Un pugno di mosche. Vita d’uccello volare dove frulla dietro l’odore di un solo dì vita beata e spensierata all’occasione che ama il sì, ci sono spine in ogni rosa con la corrente di chi le sposa guardare è bene senza toccare il…

Scatenato.

Non è specchio che riflette le parole che son dette. Preso così non è malaccio quel che crede l’incontrario anche se ridotto in straccio tiene pegno nel suo diario libertà non è parola ma sol fatto che si approva nel filare la cosa in…