Tag: filosofia

L’età della mutua.

. In quel punto che sembra fermo tra prima e poi, le ballerine russe che seguo sui social non postano più, come si fa a scrivere una poesia senza una bella ballerina russa che piroetta anche se solo in un post di instagram? Bestialità… Continua a leggere “L’età della mutua.”

La bella addormentata nel bosco.

. Si vedono delle nuvolette, su una c’è Mosca in fiamme, inizia a nevicare, la grande armée in trappola, chissà perché Napoleone si è fermato? Un’altra Leningrado in fiamme, l’esercito tedesco seppellito dalla neve, chissà perché hanno aspettato tanto? Valla a capire la storia,… Continua a leggere “La bella addormentata nel bosco.”

Passato di futuro al presente.

. Il bene è un nome, il nome non è forma quindi la forma del bene non è bene e se non è bene è male. Specchio specchio dei miei coglioni, ormai si tritano discorsi già triti ma tant’è se così è… Si può… Continua a leggere “Passato di futuro al presente.”

Cronologia della memoria.

. Il sapere è un nome, il nome non è forma quindi la forma del sapere non è sapere e se non è sapere è ignoranza. Qualcosa del genere lo scrive anche Platone nell’Apologia, il non sapere è forma, quindi universale, un immenso non… Continua a leggere “Cronologia della memoria.”

Vecchio rottame.

  Per il nominalismo il nome è forma, se il nome è forma il morto è vivo e di conseguenza il vivo è morto, per dirne alcuni Buddha, Cristo, Maometto, vivi nell’immaginazione collettiva, novelli Cicicov col loro seguito di anime morte, si vede il… Continua a leggere “Vecchio rottame.”

Amore un corno.

. Amore è un nome, il nome non è forma quindi la forma dell’amore non è amore e se non è amore che cos’è? Come al solito c’è a chi piace crudo ed a chi piace cotto, statistica quanto è grande il mondo, se… Continua a leggere “Amore un corno.”

Ghiaccio.

. “Io sono un cretino!” Questa affermazione può essere guardata da due differenti punti di vista. Per il nominalismo – formalismo il nome è forma quindi lo scrittore si identifica nelle parole che scrive venendone usato, in questo caso sono un cretino. Per la… Continua a leggere “Ghiaccio.”

Nerone.

. Nubi di tempesta pascolano agitate nel cielo lassù, erba ne è rimasta poca, c’è chi foraggia piove la manna piscio celeste a bocca aperta da bere, poche le fortunate, le altre s’ammassano in vapori tumultuosi, nere, cariche di elettricità, gonfiano, allungano lunghe dita… Continua a leggere “Nerone.”

De profundis.

. Il fenomeno è uno spazio compreso tra due limiti di tempo, l’inizio e la fine, di solito espressi con due date, da a, come si vede sulle lapidi dei cimiteri. Questa proposizione si può prendere come legge universale, qualsiasi cosa esista nel mondo… Continua a leggere “De profundis.”

Lupus in fabula.

. A pancia piena si sogna, a pancia vuota si ha fame. Esempio, un salottino con delle comari inglesi pettegole che, tra un pettegolezzo maligno e l’altro, prendono il te con i pasticcini. Si vede che non hanno fame ed allora la lingua cammina,… Continua a leggere “Lupus in fabula.”