Tag: flusso

Non tutti i buchi sono di culo.

  Pubblicità tocca il mare d’amare l’esca per pescare luccicanti leccornie che pacchia sgranocchiare parrocchie incapocchiate macina di denti farina d’odisseaca cloaca s’ode l’osso far cri cri dal punto al largo esplode volare tra le stelle e come e perché non si sa spuntini…

Fotosintesi.

  Legge leggero per leggere legno arde nella stufa palpiti tu tum tu tum ecc. trasformazione oh tu bistecca dove vai cosa sei? benzina al motore va al sole ritorna tra i nevai un raggio di sole scivola frana precipita zigzagando tra il tronco…

Bucefalo.

  Il peso di una mosca succhiata da un ragno riempie la bocca d’intricati fili ordita la tela di sibilline leccornie in punta di lingua il dardo letale spazia l’orizzonte in cerca di preda . Greggi di nuvoloni incolonnati ricamano il cielo addensandosi alla…

Giocoliere.

  Professionale poker con il pagliaccio carte false sul tavolo la maschera del dottore pena crocifissa il piatto piange passo le lacrime scorrono sotto terra al pantano passo ancora la testa sul ceppo sognando il boia che cala la mannaia una buona carta chissà…

Il divino marchese. (fig. 2) L’effimera.

  Ero certo che se avessi bevuto ancora un po’ l’avrei potuta scopare anche senza colpo di fulmine, quante volte l’avevo fatto però è anche vero che sono solo parole e quello che avrei fatto dipendeva esclusivamente da chi stava scrivendo questa storia, lui…

Il marchese. (fig. 1) Volo nuziale.

  Nella piazza tra piedi ignudi s’aggira il cantastorie: “Ehilà branco di scimuniti state a sentire questa!” C’era una volta un grande scopatore fantasioso, un vero artista del pennello, a quei tempi però nicchiava, non so come dire… con una donna se c’è il…

La musica del peccato.

  Cercavo una bella frase per iniziare un racconto e non mi veniva allora presi il flauto ed iniziai ad improvvisare. Da tempo cercavo una strumento a fiato per le mie improvvisazioni solitarie ed il flauto mi stava bene, tempo addietro avevo sprecato due…

Onde.

  Granello di sabbia del deserto goccia d’acqua del mare si incontrano la solitudine del deserto la solitudine del mare s’alza il vento muove le dune muove le onde scrosciano tra loro danzando nella tempesta…

Playing with dolls…

  Quel che farei “io” inebriato allungherei la lingua tra le tue gambe sugose la toccherei per conoscerla a fondo tra poetici rintocchi le racconterei una favola sciogliendola in un lago luccicante di stelle allora le pescheremo una ad una e su ognuna allungherò…

Chi si contenta gode.

  Rilassato il buco del culo tolto il diavoletto di Cartesio dalla testa ex cogito un bel cazzum . Emozione d’amore le vecchie ossa al comodo tepore baci e carezze d’amante poesia . Piacere d’essere respiro in musica al vento volano l’ali la fantasia…