Tag: pennellata

Double face.

. Una stella agita la coda pendolo nelle orbite oscure di un teschio abbandonato al deserto tra le onde di sabbia che frangono il sole spruzzando le strade dell’universo d’altre storie languide di desiderio. .

Lavorando.

. Si defeca nei prati tra i fiori profumati ricchezza che piove dal cielo gli occhiali pesano sul naso l’occhio non vede oltre esultano le radici è sempre giorno di festa. .

Ali all’uccello.

. Una matita per sognare tra parole ballerine vapori di tutù spruzzati tra i peli e le zecche della passione rosso vermiglio si macchia la nuvola tuffarsi nel nulla precipitare in questa vita senza fondo. .

Psichetta.

. La ballerina danza sul cuore con scarpette acuminate ma il cuore degli innamorati pompa sogni favole prestampate quelle frullano uragani nella testa che quando splende il sole spompa e torna il sereno. .

Cioccodata.

. Scrivere niente leggere niente vivere… un mare piatto di fragile vetro una barchetta invisibile    le vele gonfie di niente… e l’orizzonte sempre lo stesso girotondo di babbuini. .

Sgancio dal motore immobile.

. Fatto il conto della vita il primo giorno è oggi freschezza senza tempo buon umore frizzante la strada cammina… .

Ombra del nulla.

. Del tempo si calpesta la polvere sulla strada leccare per terra trionfi e massacri il senno del poi come il mare le sue tempeste carica il cannone e spara alle stelle l’inutile arrancare di un solo giorno piuma all’arruffare del vento. .

Chi l’ha visto?

. Quando si sgozza il maiale si fa gran festa l’abbondanza cascata di sangue non si spreca nulla chi fa a pezzi chi allunga budella chi macina salsicce tutti ballano cantano si ingozzano rotolano nel rosso fango inculando vergini fanciulle carne profumino cuoce sulla… Continua a leggere “Chi l’ha visto?”

Bordellomachia.

. Danzano puttane intorno al fuoco freddo dell’attesa carne a buon prezzo dal macellaio lunga salsiccia di cazzo periscopio allungato nel bavoso tunnel spruzzi fecondi dolce salato leccati alla goccia parlano le montagne echi di valanghe ascoltano le tempeste oceaniche in silenzio composte trombe… Continua a leggere “Bordellomachia.”

Punto nell’infinito.

. Di tutto quell’affanno rimane la noia di vivere come morto davanti il giorno a sognare dietro la notte scoperchiarsi la tomba ad un nuovo cammino un’altra terra da deflorare un’altra emozione a gonfiare la vela così nulla importa rimane una strada senza direzione… Continua a leggere “Punto nell’infinito.”