Tag: pennellata

Tonnellate di niente.

. Raccontare storie al microfono dell’al di là vegliano i morti il sonno dei vivi rimbambito allo specchio tirato fuori così com’è aggrovigliata macchina di parole su una merda pestata da un cane la strada che porta all’Uomo non conosce pietà. .

Il cazzo di Ulisse.

. Il cane alla catena abbaia bau bau navigare tra sbarre lucchetti porte chiuse carie cappi ceppi forche la carne brucia cicatrici d’anni dimenticate sborrate di sogni maldigerite sirene sugli scogli dell’impossibile la voce della tempesta rinchiusa in un faro. .

Una puttana al giorno leva la gelosia di torno…

. Marionette e burattini sano scopare e questa baruffa e quella s’azzuffa galante tasto di pianoforte tra le vulve aperte e sbrodolanti la lingua accarezza sinfonia di imperitura giovinezza. .

Pane e prosciutto.

. Bella troiona tenero burro da ficcare in tutti i buchi giù per la gola tra echi ingordi su per il pozzo dei desideri culo sfondato a schizzare merda stringono le tette il cappio invano impiccato al cigolare del divano aperto il languido ombelico… Continue Reading “Pane e prosciutto.”

Diluvio.

. L’arca di non è ci sono solo nomi cimitero galleggiante nell’empireo mare dei sogni. . Nel pantheon egizio le mummie indaffarate a servire caffelatte con brioches al bar della stazione. . Riflesso condizionato squilla il telefono: “pronto chi parla?” silenzio di parole che… Continue Reading “Diluvio.”

Quod erat demonstrandum.

. Attira i polpastrelli questo gelido fuoco a toccare guardare negli occhi dal sepolto budello quel che le ossa portano la carne riveste la parola conferma sorsata di feccia dal gusto statistico dove  fortuna trascina al risultato che piaccia o no. .

La pizza.

. Niente da dire a stare come un sasso dentro un buco guardando le mongolfiere solcare il cielo di lunghe scie vaporose spruzzi di caghetta immerdano emozione e sentimento scorrendo al mare dei sogni infranti spumose onde da qui a queste parole rimbalzano allegre… Continue Reading “La pizza.”

Coda al botteghino.

. Strade piene da scoppiare non si distingue il cane e il porco di bei vestiti scorticati stracci di carne fuori mercato questa è legge di natura usi e costumi di bestie in fiera sotto la scorza di civiltà  sfilano i cadaveri in processione… Continue Reading “Coda al botteghino.”

Vacanze all’inferno.

. La menzogna è nell’aria dio uscito dalla tomba bussa alla porta del manicomio bara aperta all’abbraccio culo aperto alla penetrazione del ben pensante passato. . Non fa ridere non fa piangere acqua torbida alla fogna nulla si chiama nulla si fa. .

Mascherina con paraocchi.

. Profumo di giungla istinto libero ruggire sbranare affondare i denti nella carne orgia di sangue scatenato il vento nella tempesta tigre la natura vortice spettacolare. . Probabilità non oltre oggi mangiare cagare e tirare a campare. .