Tag: pennellata

Tra virgolette.

. “C’è da scrivere una storia d’ogni filo d’erba nel prato d’ogni parola del linguaggio pestata a morte dagli scarponi sotterrata da merda ruminante tra fiori e farfalle svolazzanti sta il ragno in agguato a dire male dal bene diviso si specchia il mondo… Continue Reading “Tra virgolette.”

Surf.

. Un briciolo di buon umore nel polverone organizzato monco di verbi e tabelline scimmioni calati dall’albero genealogico che di vero han solo quello ridacchiano le zecche a denti stretti sulle cravatte parlanti ben annodate al collo dei giulivi l’onda del giorno si frange… Continue Reading “Surf.”

Politica.

. Puttane da vendere chiavi al portone chiuso citofona in portineria l’eco delle scale saliscendi frenetico cigolii sui letti sfatti cascate di piscio di cane dai balconi sotto si balla senza ombrello imprevedibile il vento della sera fischia tra le pozzanghere sudice. .

Solletico del caso.

. Selvaggia natura spietata feroce gratta sotto l’apparenza l’istinto della tigre profumo di sangue sbranare divorare e nella giungla sazio ruggire la sfida al domani. .

Chic.

. Crucci di tempo passato a saltare la fossa in mano al caso inganni e imbrogli di fronte al naso moneta il sangue nel vaso versato. . Pane burro e marmellata croccante desiderio assaporato dolcemente scioglie la lingua il verso il volo. .

La tosa delle sanguisughe.

. Questo tempo acqua che inonda nuotando controcorrente naufraghi unica isola le proprie mani a plasmare la terra che il nulla offre fortuna nemica di ogni speranza. .

Tum tum tum.

. Un mondo a parte un altro pianeta puntino tra le stelle lontano lontano brilla fioco fischiettando melodie dimenticate nella fucina di Vulcano dove tra scintille roventi si batte il fuoco con un martello pesante. .

Vita da cani.

. Gira un film carne tra i bulloni macchine e insalata l’arco del giorno paracadute per atterrare dolcemente in un comodo letto mangiare cagare ogni tanto abbaiare nulla di più… .

Cucù.

. Di tutto questo niente che si fa? Specchio di ieri mattone su mattone gettato alle spalle lastrico di argilla plasma il fantoccio on line torre tra le nuvole dei ricordi gabbia dell’uccellino sul ramo a guardare tra le sbarre dei pantaloni. .

Digestione problematica.

. Non comprendere è uscire acqua dal buco una goccia basta a prendere per mano il sole senza bruciarsi vapore alla nuvola sposa del vento sensuale tempesta si spegne piano piano rosso tramonto di una lacrima. .