Tag: slang

La donna dei sogni.

  Sfinge che nessuno conosce creta malleabile il volo della Fenice ovuli di richiamo nella tela di Aracne sul tabellone dell’Empire l’intermittenza pulsa d’elettrico rottame . Fabbrica di bambole spray bevute d’un soffio il cazzo travestito labbra la pompa specchio vivente vorace riflesso finestra…

Area mediocritas.

  Piace la bambola che ha la figa pepata e quando la lecco sbrodola tutta che sembra un fiume si va tra le rapide vorticose e quando si arriva al mare s’alzano le onde in burrasca sono tutto sbattuto la nave va in pezzi…

La storia.

  Le macchinette sono così software l’anima in programma nel giardino del manicomio il marito crocifisso la madonna vergine a succhiare il cazzo ai cani Adolf ed Eva a spalare ebrei nei forni rinfacciandosi la colpa s’ammucchia il capitale vietnamiti arrostiti dal napalm già…

Infanzia difficile.

  Notte le ombre si sganciano dai piedi miagolio di un sassofono disperato una puttana da farsi succhiare il cazzo sangue che passa di mano ettolitri di fogna ubriaca l’aspirapolvere del cesso isole alcoliche nel mare del fottere fottere fottere buttato sul letto l’alba…

Parolacce.

  Infila la lingua nel culo a reclamare la merda in attesa fare finta di niente alla carne che voglia natura sposata al contro altare specchiata capovolta di spocchia e ripicca . Bel tempo del pintone facile barbera a garganella la compagnia dei fantasmi…

De ars cagatoria.

  Culo contro culo a scoreggiare tiepidi baci aromatici sbuffi spruzzi di molliccia caghetta gorgogliante metano nuvolette d’interiore passione… . Rinfacci d’opinione palle al balzo vanno bolle di merda per l’aere melato al dire del più che il meno ispira…

Tra gli artigli dell’aquila.

  Vestita della pelle il corpo selvaggio libera la natura uragano di fuoco l’incendio divampa così i tuoi baci divorano l’universo e me…

Via una avanti l’altra…

  Filo diretto al coup de foudre il profumo entra dalla finestra la gatta alza la coda e spruzza inebriante rizzata di cazzo inseguimento tra i colori dell’arcobaleno languidi scioglimenti di membra acquerelli spalmati con lingua sottile tempere impiastricciate colano sapor di trementina gonfia…

Amore eterno.

  Fuoco l’energia che fa battere il cuore scorrere il sangue butta carbone nel forno se no si spegne davanti una bella bistecca sugosa come resistere? tu sei la mia fiamma il piacere di un attimo divorarti brano a brano stretti allacciati nella furia…

Il cappone.

  Tremula fiamma di candela tremolare di fottere al pene accucciato ronf ronf ronf saltano l’asta pecorelle al cazzo del lupo che allunga l’estro sul letto l’ara della sega e lo scopator cortese al sogno delle chiese. . Riposano gli anni dal lungo assalto…