Tag: terzine

A cena con le iene.

  Tutta la voglia di fare bisboccia grandi abbuffate ed orge selvagge fiume di vita ridotto alla goccia . Dan fuoco all’altare le favole sagge di furia e di fuoco si veste il vulcano raggio di sole a caccia di ragge . Triste menare… Continue Reading “A cena con le iene.”

Terra terra.

  Smoccolamento di un ceppo rinsecchito a guardare primavera fiori e farfalle danzare sul prato . Stanno gli anni prigionieri di oggi deposito al risparmio di sogni infranti quel che si può null’altro che serve . Una coltellata al cuore per dimenticare è morta… Continue Reading “Terra terra.”

Sonata “ai suonatori.”

  Quello che piace scaccolarsi il naso e tirare pallottole alle mosche in volo . L’astronave coi pianeti che girano ed il sole che illumina la strada . L’arena dei leoni orgia tra le stelle tinte shocking rosso sangue . L’appetito il piatto sorride… Continue Reading “Sonata “ai suonatori.””

Il genio della lampada.

  Innamorato son di me il mio principiotto sta su l’ali per volare . Per lo più tira a campare con la mena al pistolotto regolato a quel che c’è . Idea l’alba fatto il tramonto si lavora come al gioco caga l’oro in… Continue Reading “Il genio della lampada.”

Puttangiro.

  Viaggio tra le stelle una latrina da bere stappata . Morbida e calda scintille tra le tette un buco dove metterlo . Danza vola sul tappeto di miseria colorano i soldi . Van le monetine nel porcellino cascatella cincinchiante tintinnano i calici.

Fenomenologia dello script.

  Attimi di pura pazienza sul carapace della tartaruga che lenta gira l’orologio . Sorpassano i pensieri precipitando l’abisso nel cestino del web . Il silenzio per guanciale senza domande di cosa fare pagina vergine per creare . Amore del proprio peccato corpo sepolto… Continue Reading “Fenomenologia dello script.”

Chi si contenta gode.

  Rilassato il buco del culo tolto il diavoletto di Cartesio dalla testa ex cogito un bel cazzum . Emozione d’amore le vecchie ossa al comodo tepore baci e carezze d’amante poesia . Piacere d’essere respiro in musica al vento volano l’ali la fantasia… Continue Reading “Chi si contenta gode.”

Chiaro scuro.

  Si sta bene così ad ascoltare i muri bisbigliare l’eco delle seghe . strascico che porta la sposa all’altare di calcinacci per immolare nel sangue il bianco vestito . storie mai scritte sognate desiderate dimenticate intorno all’abisso per non guardare giù . e… Continue Reading “Chiaro scuro.”

Lattina di gazzosa…

  Sorgente d’acqua ti vorrei sempre sbrodolante fresca e dissetante . a domare l’incendio che divora l’erezione del vulcano raggio di sole che splende lontano . Cascatella frizzante d’amore ubriaco brillare di stelle selvaggia furia le scopate più belle . Tappeto volante di parole… Continue Reading “Lattina di gazzosa…”

La bella addormentata.

  Girano le palle del suonatore bussa alla porta la viltà la corda già al collo di bambola rara. . Programma al computer di carne muove la bestia che cerca se stessa la storia nell’abbraccio del cappio. . Bussa la sposa e porge l’anello… Continue Reading “La bella addormentata.”